Codice di Prevenzione Incendi: Esempi applicativi di resistenza al fuoco

Reading Time: 4 minuti

Il Codice di Prevenzione Incendi (DM 3 agosto 2015) rappresenta una svolta nella progettazione di attività soggette ai controlli di prevenzione incendi. Dopo quasi 4 anni dalla sua emissione e a fronte della (ancora per poco) “adozione volontaria” per la sua applicazione, solo quasi il 10 % dei progetti antincendio sono stati presentati sulla base dei criteri del Codice di Prevenzione Incendi. Sono quindi necessari degli esempi applicativi specifici per ogni misura antincendio con le soluzioni conformi ed eventuali soluzioni alternative.

Nel presente articolo saranno trattati degli esempi applicativi di progettazione della misura antincendio S. 2 Resistenza al fuoco di cui al DM 3 agosto 2015.

Continua a leggere

image_print
 

Resistenza al fuoco – Sezione S.2 del Codice di Prevenzione Incendi – Definizioni principali

Reading Time: 6 minuti

La seconda misura antincendio inserita all’interno del DM 3 agosto 2015 Codice di Prevenzione Incendi è la sezione S.2 resistenza al fuoco.

resistenza al fuoco

Sono di seguito riportate le definizioni antincendio relative alla resistenza al fuoco. Seguono poi esempi applicativi.

Continua a leggere

image_print
 

Novità sul Codice di Prevenzione Incendi obbligatorio per 42 attività antincendio

Reading Time: 2 minuti

A quasi 4 anni dalla emissione ecco la prima novità sul Codice di Prevenzione Incendi (DM 3 agosto 2015) arriva il primo concreto aggiornamento! In data 21 febbraio 2019 il CCTS (Comitato Centrale Tecnico Scientifico) ha approvato la bozza di modifica del DM 3 agosto 2015 ed in particolare il campo di applicazione della norma. L’entrata in vigore è prevista intorno a fine ottobre (2 mesi per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ed altri 6 mesi per l’entrata in vigore) ma la strada ormai è tracciata!

Di fatto il Codice di prevenzione incendi sarà obbligatorio per 42 attività soggette ai controlli di Prevenzione Incendi. Quali sono queste attività?

Continua a leggere

image_print
 

Zona Atex: come identificare la nube di polveri dentro un capannone?

Reading Time: 2 minuti

Pubblichiamo di seguito  il quesito posto da un utente: si parla di zona Atex e come identificare la nube di polveri all’interno di un capannone industriale.

zona Atex

Per ottenere il prodotto finito sono presenti nell’area verniciatura due forni per cottura delle vernici a polvere.

Il complesso, rientra tra le attività soggette ai controlli VVF? Esiste un’area Atex a causa della presenza di vernici a polvere? Se sì, l’area è circoscrivibile o deve essere considerato l’intero capannone? La ventilazione del locale può condizionare l’identificazione delle aree?

Di seguito la risposta:

Continua a leggere

image_print
 

Pavimento esistente: è consentita la posa di nuovo materiale?

Reading Time: 3 minuti

Pubblichiamo di seguito il quesito posto da un utente: si parla della posa di moquette su linoleum entrambi certificati in classe 1 di reazione al fuoco. E’ consentita la posa di un nuovo materiale in accoppiamento al pavimento esistente?

materiale senza omologazione

Nel piano, sopra il pavimento sopraelevato in Silicato di Calcio è posata una finitura a pavimento in linoleum. La finitura è esistente ed è certificata in classe 1 di reazione al fuoco.

Il conduttore vuole allestire i propri spazi in locazione, posizionando una moquette certificata in classe 1 di reazione al fuoco. E’ consentita la posa della moquette sopra linoleum esistente?”

Di seguito la risposta:

Continua a leggere

image_print
 

DM 7 agosto 2012 e Circolare n. 1681: allegati alla SCIA VVF

Reading Time: 3 minuti

Nel DM 7 agosto 2012 è indicato quali sono gli allegati alla SCIA VVF. In particolare, i modelli ministeriali VVF e le dichiarazioni di conformità degli impianti da presentare ai VVF e i documenti che fanno parte del fascicolo tecnico antincendio.

Nel presente articolo sono definiti in dettaglio questi documenti ed viene riportato un elenco differenziato per prodotti da costruzione ed impianti.

Continua a leggere

image_print
 

Cosa è la dichiarazione di prestazione e la marcatura CE: Regolamento prodotti da costruzione CPR 305 del 2011

Reading Time: 4 minuti

La dichiarazione di prestazione e la marcatura CE fanno parte dei documenti da allegare al modello ministeriale vvf dich. prod. che devono essere obbligatoriamente inseriti nel fascicolo tecnico antincendio, da conservare nell’attività soggetta ai controlli di prevenzione incendi.  Rappresentano una sorta di “carta di circolazione” per i prodotti da costruzione che vengono immessi sul mercato europeo. Dal 01/07/2013 è entrato in vigore il nuovo Regolamento dei prodotti da costruzione CPR 305 del 2011 che fissa le condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione e abroga la direttiva 89/106/CEE.

Continua a leggere

image_print
 
image_print